Truffe In Rete

Segnalazione casi di truffe on line

Google: tutto ok, Gmail è sicura

Roma – Si è trattato di un falso allarme: il paventato buco nei servizi di posta di Google, quello che consentirebbe pure di accaparrarsi indebitamente i domini altrui, era una bufala.

Altro che falla sempiterna di Gmail, altro che bug che si trascina da mesi – anzi da quasi due anni – nei sistemi di Google: le toppe per quei buchi sono state applicate immantinente e funzionano. Se poi però gli utenti cliccano sulle email sbagliate e cascano in vecchi trucchetti, allora BigG i miracoli proprio non può farli.

Secondo quanto comunicato da Chris Evans sul blog ufficiale dell’azienda, le indagini condotte internamente da Google hanno rivelato una realtà ben diversa da quella dipinta dagli hacker: non c’è alcun buco nero nell’interfaccia di Gmail, niente che risalga al settembre 2007 e che ancora oggi mieta vittime. Semplicemente, e gli accertamenti condotti assieme alle vittime lo confermerebbero, i malcapitati di turno sarebbero rimasti preda del consueto giochetto del phishing: un dominio somigliante il più possibile all’originale, qualche email contraffatta e si finisce per rivelare user ID e password al malvivente in agguato.

In particolare, in questo caso ci sarebbe di mezzo un dominio del tipo “google-host.com”, utilizzato unicamente per carpire le credenziali della vittima: “Questi siti fake non hanno alcun tipo di relazione con Google – precisa Evans – e quelli che abbiamo individuato ora sono offline”. Una volta che l’attaccante abbia ottenuto la password, non deve fare altro che introdursi nell’account e impostare un filtro che inoltri ad un suo indirizzo tutte le email di un certo tipo: come quelle in arrivo da un registrar, GoDaddy in questo caso, in modo da poter ottenere accesso anche a quel dominio tramite una semplice procedura di recupero della password dimenticata.

Fonte: punto-informatico.it (leggi tutto l’articolo).

Annunci

30 novembre 2008 Posted by | phishing | , | Lascia un commento

Gentile Signor Bancoposta…

Un phishing davvero curioso dove il destinatario è il “Signor Bancoposta”.

Che fantasia! direte voi e soprattutto che modo stupido e ingenuo di introdurre una e-mail di phishing; ma analizziamo meglio il contenuto.

Questo tipo di phishing utilizza la tecnica del messaggio a contenuto variabile.

L’e-mail presenta una parte di testo variabile (nell’esempio la data e l’ora della presunta operazione di ricarica) ed una parte invece sempre uguale; normalmente il giorno e l’ora che compaiono nell’ e-mail sono molto vicini al momento in cui viene ricevuta l’e-mail stessa.

Questa e-mail può far presa soprattutto su chi ha effettivamente effettuato l’operazione in un intervallo di tempo prossimo a quello indicato nel testo e quindi può avere un alto grado di successo (per i phisher) in termini percentuali.

In altre parole non si tratta di un phishing di tipo generico, come quelli che annunciano vincite o pericoli per la sicurezza , ma di un tentativo molto subdolo mirato a colpire coloro che hanno realmente effettuato da poco un’operazione sul proprio conto online, inducendoli a preoccuparsi per l’esito dell’operazione effettuata.

Questa e-mail è phishing

gentile-sig-bancoposta1

17 novembre 2008 Posted by | phishing | , | Lascia un commento

Il phishing colpisce anche gli utenti di Google AdWords

AdWords è il famoso sistema di pubblcità su internet ideato e gestito da Google.
Chi desidera promuovere la propria attività tramite questo sistema deve iscriversi al programma AdWords, diventando così un ‘inserzionista‘ Google.
Gli spot creati dagli inserzionisti vengono visualizzati nelle prime posizioni oppure sul lato destro della pagina che usiamo per la ricerca su Google.
Inoltre questi spot possono comparire anche all’interno di altri siti, i cosiddetti ‘siti publisher‘ che ospitano questo tipo di pubblicità e per la quale ricevono una percentuale su quello che Google percepisce dagli inserzionisti.
La caratteristica vincente di questo sistema innovativo è quella di visualizzare gli annunci pubblicitari pertinenti alla ricerca che l’utente sta facendo o al sito che sta visitando in quel momento.
Questo aumenta le probabilità che un visitatore clicchi sul sito proposto dallo spot.
Infatti, se sto cercando “ricambi auto”, e sulla pagina dei risultati della mia ricerca compaiono pubblicità relative alle auto, o meglio ancora, attinenti ai ricambi per auto, difficilmente mi possono creare fastidio ed anzi, è molto probabile, visto che sono interessato all’argomento, che io faccia click su uno dei collegamenti che mi vengono proposti.
Ecco spiegato in poche parole il motivo di tanto successo di questo tipo di propaganda mirata che, ovviamente, crea un giro di affari non indifferente.
Come detto, gli inserzionisti pagano Google per i loro spot e, dove su internet girano “soldi veri“, ecco che spuntano immancabili i soliti phisher, soprattutto se i soldi sono tanti come in questo caso.
I pagamenti a Google possono avvenire in vari modi, tra cui ad esempio, appoggiandosi alla propria carta di credito, analogamente a quanto avviene per Paypal.
Ecco quindi spiegato il motivo di tanto interesse da parte dei phisher che sperano in questo modo di entrare nel pannello di controllo AdWords che ciascun inserizionista utilizza per gestire e controllare i propri annunci e i pagamenti a Google e sotrarre così informazioni preziose sui conti bancari e sulla carta di credito.
Inutile dire che tutte le comunicazioni di Google ai suoi inserzionisti NON avvengono tramite e-mail ma direttamente dal pannello di controllo e quindi, come al solito, occhi aperti e ‘passate parola’.

Ecco il testo dell’e-mail

Questa e-mail è phishing

Da: Google AdWords [reactivation@google.com]
Inviato: mercoledì 5 novembre 2008 16.26
Oggetto: Submit your payment information.
—————————————————————

Dear Advertiser,

Our attempt to charge your credit card for your
outstanding Google AdWords account balance was declined.
Your account is still open. However, your ads have been suspended. Once
we are able to charge your card and receive payment for your account
balance, we will re-activate your ads.

Please update your billing information, even if you plan to use the
same credit card. This will trigger our billing system to try charging
your card again. You do not need to contact us to reactivate your
account.

To update your primary payment information, please follow these steps:

1. Log in to your account at http://adwords.google.com/select.
2. Enter your primary payment information.
3. Click ‘Update’ when you have finished.

Thank you for advertising with Google AdWords. We look forward to
providing you with the most effective advertising available.

——————————————————————————
This message was sent from a notification-only email address that does
not accept incoming email. Please do not reply to this message. If you
have any questions, please visit the Google AdWords Help Centre
————————————————————————————

10 novembre 2008 Posted by | phishing | , , | Lascia un commento

Attenzione alle offerte di ‘sicurezza’ per Banche, Poste e Paypal

Sembra proprio una beffa: i phisher che ti scrivono “STOP ALLE FRODI SU INTERNET’.

Ma nel cyberspazio succede anche questo e purtroppo non è realtà virtuale.

Come abbiamo già avuto modo di vedere, sono proprio i phisher che incitano alla sicurezza e mettono in guardia gli utenti lanciando l’allarme sulle frodi on line, dilungandosi spesso in spiegazioni dettagliate e convincenti.

Ma perchè lo fanno?

E’ semplice: per attivare la sicurezza per il conto online di una banca, o su un qualunque portale ad accesso riservato, chiedono all’utente di collegarsi ad un indirizzo internet (FAI CLICK QUI PER ATTIVARE GRATIS LA PROTEZIONE).

Ovviamente si tratta di un indirizzo fasullo, dove vi verranno richiesti i vostri dati di accesso (utente e password) alla banca o al portale riservato ed a quel punto è tardi.

Ecco il testo di una e-mail che parla di sicurezza per Paypal:

Questa e-mail è phishing:

Da: PayPal, Inc [account@pp.com]
Oggetto: La Sicurezza Del Tuo Conto.
Priorità: Alta
Stop alle frodi su Internet!

> Perché, allora, attivare una protezione contro le frodi on-line?

Perché il nostro numero di Carta può essere trafugato nel mondo reale (ad esempio, da ricevute di pagamento gettate via in modo incauto) e usato per pagamenti su Internet a nostra insaputa!

Tutti, quindi, siamo potenziali vittime delle frodi on-line: sia che usiamo la nostra Carta per acquisti su Internet, sia che non lo facciamo.

E’ vero che PayPal tutela sempre i suoi Titolari: in caso di addebiti non riconosciuti si può infatti contestare e ricevere il rimborso.

> Ma perché rischiare di ricevere addebiti indesiderati quando è possibile prevenirli?

Lo puoi fare subito dal sito PayPal:
una garanzia di sicurezza per te, uno stop alle truffe on-line!

FARE CLIK QUI PER ATTIVARE GRATIS LA PROTEZIONE!

Dietro la scritta in blu si nasconde l’indirizzo: http://***ns1.druti.net***/manual/faq/index.htm

già segnalato come ‘SITO di PHISHING’.

5 novembre 2008 Posted by | phishing | , , | Lascia un commento