Truffe In Rete

Segnalazione casi di truffe on line

Attenzione alle offerte di ‘sicurezza’ per Banche, Poste e Paypal

Sembra proprio una beffa: i phisher che ti scrivono “STOP ALLE FRODI SU INTERNET’.

Ma nel cyberspazio succede anche questo e purtroppo non è realtà virtuale.

Come abbiamo già avuto modo di vedere, sono proprio i phisher che incitano alla sicurezza e mettono in guardia gli utenti lanciando l’allarme sulle frodi on line, dilungandosi spesso in spiegazioni dettagliate e convincenti.

Ma perchè lo fanno?

E’ semplice: per attivare la sicurezza per il conto online di una banca, o su un qualunque portale ad accesso riservato, chiedono all’utente di collegarsi ad un indirizzo internet (FAI CLICK QUI PER ATTIVARE GRATIS LA PROTEZIONE).

Ovviamente si tratta di un indirizzo fasullo, dove vi verranno richiesti i vostri dati di accesso (utente e password) alla banca o al portale riservato ed a quel punto è tardi.

Ecco il testo di una e-mail che parla di sicurezza per Paypal:

Questa e-mail è phishing:

Da: PayPal, Inc [account@pp.com]
Oggetto: La Sicurezza Del Tuo Conto.
Priorità: Alta
Stop alle frodi su Internet!

> Perché, allora, attivare una protezione contro le frodi on-line?

Perché il nostro numero di Carta può essere trafugato nel mondo reale (ad esempio, da ricevute di pagamento gettate via in modo incauto) e usato per pagamenti su Internet a nostra insaputa!

Tutti, quindi, siamo potenziali vittime delle frodi on-line: sia che usiamo la nostra Carta per acquisti su Internet, sia che non lo facciamo.

E’ vero che PayPal tutela sempre i suoi Titolari: in caso di addebiti non riconosciuti si può infatti contestare e ricevere il rimborso.

> Ma perché rischiare di ricevere addebiti indesiderati quando è possibile prevenirli?

Lo puoi fare subito dal sito PayPal:
una garanzia di sicurezza per te, uno stop alle truffe on-line!

FARE CLIK QUI PER ATTIVARE GRATIS LA PROTEZIONE!

Dietro la scritta in blu si nasconde l’indirizzo: http://***ns1.druti.net***/manual/faq/index.htm

già segnalato come ‘SITO di PHISHING’.

5 novembre 2008 Posted by | phishing | , , | Lascia un commento

In nome della sicurezza ti truffo online

Un altro esempio di phishing ad danni dei clienti dei servizi online delle Poste Italiane.

L’e-mail viene da un sedicente “reparto sicurezza” ed è palesemente un’altro fantasioso tentativo di phishing.

Si cerca di convincere il cliente a collegarsi ad un certo indirizzo per verificare il livello di sicurezza del proprio conto minacciando la chiusura delle stesso se non viene fatta questa operazione.

Ricordate che la sicurezza del proprio conto online è garantita autonomamente dall’istituto che gestisce il servizio attraverso l’adozione di protocolli di sicurezza (ad esempio SSL) e quindi non è assolutamente vero che bisogna collegarsi ad un sito per fare controlli o altro ancora.

Vediamo il testo dell’e-mail:

Questa e-mail è phishing

L’indirizzo IP cui si riferisce il link è 86.43.95.218 che non risulta assegnato alle Poste Italiane ma è un indirizzo dinamico gestito dal provider irlandese ERICOM.

Il provider ha un indirizzo web per la segnalazione di abusi e spam che provengono dai propri indirizzi internet: http://support.eircom.net/abuse/

Questa volta il testo non contiene errori grammaticali o sintattici; si vede che il truffatore conosce bene l’italiano.

21 aprile 2008 Posted by | phishing, truffe | , , , | Lascia un commento